dibattito politico
consigli 0 Commenti

Cosa può comunicare il candidato a Sindaco di Palermo durante la campagna elettorale

Nella Primavera del 2017 si terranno le elezioni per nominare il nuovo Sindaco di Palermo. Presto si attiverà la macchina elettorale e partiranno le campagne di comunicazione politica da parte dei candidati affinché i cittadini possano scegliere colui che sia per loro più adatto a ricoprire la carica di sindaco.

Com’è possibile aspettarsi, oltre ai tradizionali canali di comunicazione (pubblicità e dibattiti in tv, affissioni stradali, pagine di giornale locali), saranno impiegati anche i mezzi di comunicazione online (siti web e blog, Social Media, campagne pubblicitarie su Google, Facebook e Twitter). Mezzi che comunque vengono – e dovrebbero essere – impiegati anche prima e dopo i periodi elettorali.

Ma mentre è importante conoscere questi canali di comunicazione online, e capire quali di questi sono fondamentali per mantenere un dialogo continuo con i propri sostenitori e costruire così il proprio consenso, è anche importante capire cosa comunicare su questi mezzi e quali argomenti possono essere oggetto di dibattito in campagna elettorale.

Nello specifico mi riferisco alle questioni che riguardano Palermo e, dunque, ai temi che interessano la città e che, se comunicati e discussi con chiarezza, efficacia e trasparenza, possono risultare decisivi agli scopi della campagna elettorale.

Non si tratta di argomenti che ho scelto secondo il mio punto di vista, ma sono la risultante delle ricerche fatte sul web e delle conversazioni che ho potuto osservare online. Inoltre, ho escluso a priori alcuni argomenti che do per scontati o che parlano principalmente alla pancia del popolo – ad esempio, il lavoro, le tasse, l’immigrazione. Gli argomenti contenuti in questo articolo sono a mio avviso strategici in quanto la maggioranza dei cittadini richiede di affrontare affinché si possa vivere meglio nel capoluogo siciliano.

Una premessa: non è importante solo cosa comunicare, ma anche come e in quale modo; nel dibattito politico sugli argomenti che riguardano la città non è importante contraddire l’avversario politico o criticare semplicemente le idee altrui, ma è importante avere una visione chiara dell’argomento oggetto della discussione e comunicare in modo diretto cosa si può fare per i cittadini e come risolvere le varie questioni. Ritengo fondamentali questi argomenti e il modo di comunicarli, in quanto la loro corretta comunicazione – e di conseguenza la loro efficace risoluzione – può rivelarsi di successo per il candidato sindaco e per il benessere della città.

  • La mobilità urbana e il tram. Questo è un tema molto caldo, specialmente in questi mesi di discussioni sulla ZTL e sull’utilità di avere un mezzo di trasporto pubblico su strada ferrata. A mio parere, il candidato sindaco durante la sua campagna elettorale dovrà far chiarezza su come organizzare la viabilità urbana e sul piano di sviluppo delle linee del tram; inoltre, dovrà sicuramente comunicare un piano di regolamentazione del traffico in centro condiviso e sostenibile che non venga percepito come un ostacolo alla viabilità cittadina o come un mero tentativo di finanziare le casse dell’azienda del trasporto pubblico. Di sicuro, auspico che vengano evitate uscite infelici come quando l’amministrazione cittadina affrontò a muso duro l’opinione pubblica cittadina durante i lavori del tram con una campagna di comunicazione poco opportuna. Il tema della mobilità urbana dovrà essere un punto cardine della sua campagna elettorale e dovrà pervadere tutti i mezzi di comunicazione che presiderà.
  • gli spazi verdi pubblici. Le istanze dei cittadini in merito sono molto forti, un esempio lampante è il successo dell’apertura del Parco Uditore (peraltro gestito da privati cittadini) e le sue continue iniziative messe in atto. Il candidato sindaco dovrà esporsi in prima persona su questo tema, e dovrà dichiarare come gestire l’apertura di spazi verdi già esistenti ma al momento chiusi, come il Parco Cassarà, di quelli non ancora aperti, come Parco Villa Turrisi, e se individuare nuove zone in cui destinare nuovo verde pubblico e come intende gestirle. Anche qui sarà necessario sfruttare tutti i mezzi di comunicazione messi a disposizione della campagna.
  • la pulizia delle strade e la “munnizza”. Altra questione annosa. In questo frangente, il candidato dovrà disporre di un piano di raccolta efficiente e non troppo gravoso per i cittadini dal punto di vista economico, e al contempo avere in agenda una serie di iniziative di tipo culturale, rivolte specialmente alle generazioni più giovani, che abbiano l’obiettivo di rispettare maggiormente l’ambiente e le strade di Palermo. Dovrebbe inoltre dichiarare di impegnarsi affinché l’azienda pubblica di raccolta rifiuti sia meno burocratica e meno vincolata dai suoi metodi macchinosi e clientelari.
  • la lotta alla criminalità. Che mi ricordi, non penso questo tema sia stato trattato con decisione durante le passate elezioni. Non c’è molto da aggiungere, il candidato dovrà esporsi pubblicamente su come affrontare questa piaga, a tutti i livelli, dalla microcriminalità a quella organizzata. Sarà importante dichiarare di voler affrontare il tema anche da un punto di vista educativo e culturale, sensibilizzando i giovani sulla legalità e sul rispetto delle regole. Altro punto baluardo della sua comunicazione da sfruttare su tutti i mezzi a disposizione.
  • la “movida” palermitana. Anche qui bisogna che il candidato sindaco chiarisca come intervenire, e dovrebbe farlo rispettando sia le esigenze di coloro che frequentano i locali notturni del centro, sia le esigenze dei residenti. Dovrebbe individuare i mezzi di comunicazione più consoni, ovvero quelli più frequentati da entrambe le categorie, ad esempio la comunicazione diretta con i residenti e perseguendo una strategia di conversazione sui Social Media con il “popolo della notte”. Sicuramente, organizzare un dibattito in cui si coinvolgano entrambe le categorie potrebbe essere costruttivo e dare ottimi spunti per agire una volta ricoperta la carica istituzionale.

Questi sono gli argomenti che, prendendo spunto dalle conversazioni web, il candidato a Sindaco di Palermo dovrebbe affrontare durante la sua campagna elettorale.

Sei d’accordo con la scelta di questi argomenti? Ce ne sono altri che, secondo te, dovrebbe affrontare e che possono essere decisivi per la sua vittoria? Esponi la tua opinione commentando l’articolo.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Seo, Digital Advertising & Growth. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *