3 attività di Marketing estive per la struttura ricettiva locale
consigli 0 Commenti ,

3 attività di Marketing estive per la struttura ricettiva locale

L’estate, lo sappiamo, è il momento dell’anno in cui la maggior parte delle persone stacca la spina dalla routine quotidiana e va in vacanza. È anche il periodo in cui si esce di casa più spesso e si sta meno sul web e sui Social Media (lo sostengono le ricerche, fatta eccezione per Facebook ovviamente 😀 ). Nonostante ciò, anche durante questo periodo bisogna essere presenti con la propria strategia digitale per mantenere sempre alta l’attenzione nei confronti dei clienti e continuare a costruire visibilità, notorietà, autorevolezza e reputazione – un periodo di silenzio troppo prolungato potrebbe essere dannoso e si rischia di perdere tutto ciò che si è costruito nel tempo fino a quel momento. Anche le aziende di Palermo non ne sono escluse, specialmente quelle che hanno a che fare con il settore turistico – per esse le vacanze e il divertimento altrui sono un lavoro, e anche serio.

Pertanto ho deciso di scrivere un post proprio durante l’estate indirizzato a tutte le strutture ricettive locali, e non solo, offrendo degli spunti utili per le loro attività digitali. Queste attività di Content e Social Media Marketing non richiedono dei grandi investimenti in termini di budget – direi che in alcuni casi non è necessario stanziare alcuna somma: l’unico investimento è in termini di tempo nell’organizzare e pianificare attentamente tutti gli aspetti che concernono la loro efficacia. Possiamo intenderle come delle attività d’immagine, per certi aspetti quasi filantropiche, che hanno un ritorno a medio-lungo termine.

Ho pensato quindi a cosa potrebbe essere utile fare per una struttura ricettiva palermitana durante l’estate o, comunque, per un’azienda che opera in un settore correlato al fine di tenere un dialogo continuo con i propri clienti attuali e potenziali. Ho individuato queste 3 attività.

  1. Creare contenuti sul proprio blog come un’autorevole guida turistica

    Il blog ci ha reso tutti editori. Possiamo scrivere di qualunque cosa, purché sia in linea con con ciò che facciamo. Le strutture ricettive dispongono un’arma piuttosto potente: il blog rappresenta il mezzo ideale per descrivere le bellezze della nostra città, al pari di qualsiasi altra guida turistica. D’altronde chi altri può conoscere Palermo meglio di un business turistico locale? Potremmo aggiungere che in questo senso le strutture ricettive competono con le multinazionali che scrivono di destinazioni turistiche per quella specifica città. Ma c’è di più: la struttura conosce meglio della guida turistica la destinazione in cui opera e ha clienti a cui far vivere in prima persona le attrazioni turistiche del luogo. Pertanto, scrivere della propria città sul blog aziendale ha due tipologie di clienti da catturare: quelli che ancora non hanno viaggiato e che vogliono saperne di più sui principali luoghi d’interesse, e quelli che hanno scelto la nostra meta e la nostra struttura e vogliono sapere cosa fare e vedere. In base a questo, potremmo ad esempio scrivere articoli contenenti informazioni generiche su monumenti e attrazioni in genere, informazioni specifiche sui più importanti luoghi d’interesse, elenchi contenenti attività da fare al mare o la sera, video e immagini della città, luoghi preferiti dai clienti della struttura. Le idee sono diverse e non si esauriscono qui. Questo porta a stimolare la prima categoria di clienti a desiderare la meta (e a prenotare presso la struttura), mentre la seconda a vivere un’esperienza di viaggio migliore e lasciare in essi un ricordo positivo del soggiorno – con buone probabilità di condividere la propria esperienza sul web e scrivere recensioni positive.

  2. Partecipare attivamente nei portali condividendo i propri contenuti

    Questa attività richiede prima una fase di ricerca: bisogna infatti individuare preventivamente tutti quei portali relativi alla città e a tema turistico o di promozione del territorio in cui si deve successivamente intervenire. L’idea è quella di pubblicare i propri contenuti relativi ai luoghi d’interesse locali in questi portali: articoli, foto, video, rispettando le loro policy e magari concedendone i diritti di utilizzo. Così facendo, i contenuti possono contribuire a rendere maggiormente attraente la città come meta turistica e magari anche ad acquisire una maggiore consapevolezza da parte dei residenti della sua bellezza. L’attività però non si ferma solo a questo: possiamo inoltre lavorare sui risultati di Google, per esempio le pagine di Wikipedia, controllando tutte le informazioni presenti sui luoghi d’interesse e aggiornarle aggiungendone delle nuove; potremmo inoltre correggere alcune informazioni errate. Si può inoltre intervenire nelle altre pagine Social turistiche e nelle community come forum e siti di recensioni in cui contribuire. Fondamentale è rendersi riconoscibile in modo tale che gli utenti possano risalire all’autore dei contributi (sui Social Media è semplice in quanto si posta a nome dell’account della struttura, mentre negli altri portali ci si può registrare con la denominazione della struttura, o magari inserendo un link al proprio sito web se permesso). L’obiettivo di condividere i propri contenuti nei portali altrui è duplice: da un alto si punta a divenire uno degli attori locali maggiormente attivi nella promozione del territorio online e ottenere quindi visibilità, dall’altro attraverso ciò che viene pubblicato si possono indurre i potenziali clienti a informarsi sulla struttura e a i servizi che offre, purché i contenuti siano professionali e l’attività venga effettuata in modo constante nel tempo.

  3. Realizzare un contest sulla promozione del territorio

    In questo caso i clienti sarebbero incoraggiati a condividere i loro contenuti. I contest hanno sicuramente una valenza maggiormente promozionale per la struttura, rispetto alle precedenti attività di Social/Content Marketing, e un ritorno a breve termine, ma avendo come oggetto la città andrebbero comunque a contribuire nella valorizzazione del territorio. La competizione, della durata di tutto il periodo estivo, potrebbe consistere nell’incoraggiare coloro che soggiornano nella struttura ad inviare foto o video della loro esperienza di soggiorno, contenuti che potrebbero riguardare sia la struttura che il paesaggio circostante o la città in genere, e magari pubblicarli sui Social Network con un hashtag appositamente creato; i partecipanti potrebbero essere invogliati a condividere in cambio di una ricompensa per il vincitore (sconto sulla prenotazione, giorni extra di soggiorno gratuito, visite gratuite alle principali attrazioni locali, e così via), deciso possibilmente in base al numero di mi piace che i contenuti ottengono. Il contest potrebbe inoltre venir esteso anche a coloro che hanno già soggiornato in passato o in generale a tutti i follower degli account Social della struttura. In questo modo i clienti contribuiscono con le loro immagini o i loro video a stimolare interesse nei confronti della città, e di conseguenza della struttura, e in più, vengono per questo ricompensati, lasciando in essi un ricordo molto positivo della loro esperienza di soggiorno.

Queste sono le attività che, secondo me, una struttura ricettiva palermitana potrebbe effettuare in questo periodo per rimanere in contatto con il proprio pubblico, siano clienti attuali o potenziali. Penso anche che le altre aziende locali potrebbero trarne ispirazione, costituirebbero infatti degli ottimi spunti anche per esse. In ogni caso, altre indicazioni utili possono provenire dall’articolo che ho scritto l’anno scorso sull’Hotel Bel 3.

Adesso voglio conoscere quali attività persegui per mantenere alto l’interesse dei tuoi clienti nei confronti della tua azienda durante l’estate.

Ci sono altre attività Social o di Content Marketing che vorresti segnalare? Commenta qui sotto, comunicami la tua esperienza 🙂

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Seo, Digital Advertising & Growth. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *