Bernbach Dice 0 Commenti , , ,

Bernbach Dice: i professionisti dei mass media sono i modellatori della società

Una citazione particolare di Bill Bernbach è la seguente, in cui parla del ruolo che i professionisti dei mass media hanno nella società:

“All of us who professionally use the mass media are the shapers of society. We can vulgarise that society. We can brutalise it. Or we can help lift it onto a higher level.”

 

Tutti coloro che lavorano con i mass media hanno delle responsabilità nei confronti della società. Ogni “prodotto di comunicazione” propone valori e identità di un dato momento storico, sociale ed economico di una società, la rispecchia offrendo una panoramica di essa, e aggiunge spunti a cui possono susseguirsi riflessioni e dibattiti. I mezzi di massa sono uno strumento potente, perché veicolano idee che possono influenzare il pensiero di una società: per questo, coloro che li utilizzano professionalmente devono essere consci che con i prodotti di comunicazione si forma e si modella la società.

Purtroppo, il marketing, così come la comunicazione e la pubblicità nella società odierna hanno assunto un’accezione negativa, a causa di questa facoltà di potere modellare la società: molti di questi professionisti, o presunti tali, hanno infatti utilizzato e utilizzano tutt’ora le tecniche di marketing e di comunicazione in modo manipolatorio, cercando di influenzare l’opinione pubblica (o i clienti di una data azienda) per trarli in inganno, allo scopo di guadagnare in termini economici e di visibilità. Sfortunatamente per loro, l’opinione pubblica è abbastanza matura da capire cosa si nasconde dietro e la sua reazione non si fa attendere. Il risultato è quello di associare al marketing l’etichetta di pratica scorretta.

La colpa può essere attribuita a tutti i professionisti in genere, non solo a chi fa del marketing per l’azienda presso cui lavora o chi pubblicizza per esempio un nuovo coltello che taglia qualsiasi oggetto, secondo quanto dice la pubblicità proposta nelle televisioni locali – e in quelle palermitane capita spesso di poterla vedere. Anche i giornalisti, gli addetti stampa, coloro che pubblicano annunci di lavoro in cui si spacciano lavori nella vendita o nei call center per lavori nel marketing, nel web marketing e nella pubblicità, molto frequenti tra le ricerche di lavoro a Palermo, anche queste figure sono colpevoli.

Il risultato è quello di danneggiare la società stessa. Bisogna invece capire che i professionisti hanno in mano degli strumenti per contribuire al miglioramento di essa. Anche promuovendo prodotti e servizi – e nell’era digitale, un prodotto/servizio vende solo se questo migliora la vita del consumatore o risolve un suo problema. Ad esempio, una tendenza oggi molto diffusa è quella del Marketing Sociale, un marketing che sposa una causa o promuove un attività filantropica, oppure semplicemente un marketing che propone idee e valori sociali più o meno condivise, come l’appartenenza a una nazione o la vicinanza ad un’altra, il ripudio della violenza e delle armi, facendo leva sulle emozioni e i sentimenti delle persone.

Questa tendenza spero sia l’inizio di una nuova era del marketing e della comunicazione, un’era in cui vi sia una forte presa di coscienza che solo promuovendo idee giuste e valori positivi si possa portare veramente la “società ad un più alto livello”.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Web Marketing. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *