Offerte Groupon Palermo

Cosa sta succedendo a Groupon Palermo: il suo modello di commercio elettronico “sociale” si sta esaurendo?

Sono iscritto alla newsletter giornaliera di Groupon da anni ormai, e da un po’ di settimane a questa parte, per quanto riguarda la newsletter di Palermo, vengono visualizzate poche offerte, come si può vedere nell’immagine, rispetto a poco tempo prima, quando le offerte erano una decina o più.

Diverse potrebbero essere le chiavi di lettura. Forse, i commercianti palermitani iniziano a diffidare da questo modello di social commerce: si è tanto parlato di quanto possa essere realmente conveniente per un’impresa offrire prodotti e servizi a un prezzo fortemente scontato, spesso al di sotto dei costi di produzione. D’altra parte, Groupon offre una forma di comunicazione alle aziende per farsi conoscere, che va al di là della semplice offerta di beni. Un modo per farsi pubblicità, direbbero alcuni. Oppure, il motivo è da ricercare nella fase di saturazione verso cui sta andando questo mercato: con la nascita di nuovi concorrenti e di altri servizi e passato l’effetto novità, questo modello inizia a trovarsi nella fase calante del suo ciclo di vita, oltre a considerare che gli utenti del web si indirizzano verso nuove forme di offerte – come ad esempio i buoni sconto promossi dalle aziende stesse tramite la propria pagina Facebook. Un altro motivo potrebbe essere la politica commerciale troppo aggressiva di Groupon, accusata di essere economicamente troppo penalizzante ed eccessivamente scorretta nei confronti dei concorrenti delle aziende; forse, le polemiche a livello nazionale relative alla gestione degli ordini e la mancanza di invio di alcuni prodotti da parte di alcune aziende hanno indotto ad evitare questo canale di vendita. O, più semplicemente, la crisi si fa sentire e gli imprenditori di Palermo preferiscono destinare le proprie risorse in altre attività.

Presumibilmente, un po’ ognuna di queste motivazioni stanno lentamente portando sul viale del tramonto questo modello di e-commerce. Oppure, la vera ragione non è da ricercare in nessuna di queste.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Seo, Digital Advertising & Growth. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *