“You cannot sell a man who isn’t listening”

 

Questa citazione può riferirsi a vari ambiti. Uno di questi può riferirsi ai rumori e alle distrazioni intercorse tra chi comunica e chi riceve nello schema del processo di comunicazione. Io però vorrei concetrarmi sullo spreco di risorse e sulla scelta del mezzo di comunicazione non utilizzato, o poco utilizzato, dal target.

Scusatemi se insisto, ma a me le pubblicità tradizionali, fatte sulle emittenti locali, realizzate con PowerPoint proprio non mi vanno giù. Sono uno spreco. E sicuramente, lì molti, tanti, non stanno ascoltando. Cercate di indirizzare il vostro investimento su mezzi più efficaci. Un un mio precedente post, avevo già discusso di queste pubblicità e delle altre attività che, secondo me, fatte in un certo modo, non hanno un ritorno sull’investimento.
A volte, le forme di comunicazione above the line potrebbero rivelarsi utili per raggiungere il target. Anche se scegliere un mezzo solo perché va di moda o perché sia quello con maggiore impatto visivo è una strategia assolutamente sbagliata. Anche nella comunicazione digitale. Ho visto molti locali di Palermo iscritti a Facebook solo perché è il Social Network del momento, e l’hanno fatto nel modo sbagliato – iscrivendosi con un profilo persona o creando un gruppo, senza poi gestirlo o aggiornarlo spesso. Oppure altre aziende che si fanno fare il “classico” Sito Web vetrina, e magari caricano dei contenuti in più lingue – se sei un’azienda che lavora solamente a Palermo, in Sicilia o, al massimo, in Italia, perché dovresti avere un Sito multilingua?

Pertanto, consiglierei, prima di fare degli investimenti su alcuni mezzi, di ascoltare i propri clienti e capire dove trascorrono più tempo, per individuare i mezzi giusti per intercettarli.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Seo, Digital Advertising & Growth. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

2 thoughts on “Bernbach dice: non puoi vendere a chi non ti ascolta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *