finto elvis presley cinese

Torniamo sulla rubrica “Bernbach dice”, citando una frase detta nel 1989 dal famoso pubblicitario:

“Imitation can be commercial suicide.”

 

Probabilmente, non c’è niente di peggio dell’imitazione. È una mancanza di idee, un suicidio di creatività o di chi preferisce evitare di stimolare il pensiero laterale; lo scopo è cercare di imitare il leader o un’azienda che è riusciuta ad affermarsi nel suo settore, facendo leva sulle proprie strategie. Non è possibile imitare in tutto e per tutto la strategia di un’altra azienda, anche se è un concorrente diretto, perché non si hanno gli stessi valori, la stessa filosofia e le stesse risorse. Il rischio è scomparire del tutto, specie a livello mentale nel potenziale cliente, generando in lui confusione o rifiuto.

Nel marketing, e non solo, una delle cose fondamentali è la differenziazione: per potere emergere, un’azienda deve ricercare cosa la differenzia dalle altre e basare la sua strategia su questo assunto. La stessa cosa vale anche per le campagne di comunicazione.

Tempo fa, vi ho parlato dei servizi postali privati, e di come questi si siano diffusi come dei funghi; tra questi, un’azienda ha copiato logo, marchio e colori delle Poste Italiane. O, più di recente, delle campagne per le elezioni amministrative e a Sindaco di Palermo, di come tutti i candidati utilizzino la stessa struttura pubblicitaria (stesso tipo di immagine, stessa grafica e testi molto simili). Con tutti questi candidati – sono più di 70.000 – ricordarsi il nome e il volto di essi sia molto difficile – anche se, alcuni di essi ce li ricordiamo perché ci “raggiungono” tramite altri canali come la stampa o gli eventi. Si potrebbero fare altri esempi. Posso citare alcuni dei prodotti venduti negli “hard discount” che imitano il leader di categoria, sperando di fare leva sulle proprietà del prodotto più famoso del loro.

Il consiglio dunque è: dedicate del tempo a capire cosa vi rende unici. È importante guardare alla concorrenza e capirne le mosse, ma bisogna muoversi adattando quello che si impara dagli altri alle proprie qualità.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Web Marketing. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *