Associazione Terapia del Dolore
In un post precedente ho parlato di associazionismo e di network tra le imprese, cosa poco diffusa in Sicilia e tra le aziende locali. L’altro giorno, però, ho visto sul retro di un autobus una campagna affissione che, almeno in parte, ha a che fare con l’argomento. Si tratta della “Terapia del dolore in Sicilia” inserito nel progetto “Ospedale-Territorio senza dolore“. Il messaggio oggetto della pubblicità era un corso organizzato da questa associazione sull’insieme di queste tecniche.

Incuriosito ho cercato il sito web relativo. Ho avuto un po’ di difficoltà a trovarlo – stavo anche per desistere – ma poi ho rivisto la pubblicità e ho letto l’indirizzo web. Il sito presenta le informazioni generali su cosa consiste la terapia, a chi è indirizzata e con quali metodi viene applicata. È presente la sezione News dove vi sono le locandine riguardo i corsi organizzati e la pagina per i contatti. La pagina, secondo me, più importante è quella in cui si può trovare l’elenco degli ospedali con i relativi indirizzi in cui si può praticare questa terapia. L’ospedale promotore dell’iniziativa e del sito web è il Villa Sofia-Cervello, hub regionale della Terapia del Dolore.

Concentrandomi sulla comunicazione, posso dire che il sito web è stato ben realizzato, specialmente riguardo la grafica e la collocazione dei contenuti, anche se a dir la verità questi ultimi non sono molti, ma ci si è limitati ad inserire quelli strettamente necessari. Secondo me, si poteva migliorare la sezione news con informazioni più specifiche ai corsi ed interviste a esperti sul tema oltre a inserire nel sito le informazioni sulle disponibilità di date e orari degli ospedali. Inoltre, come ho accennato sopra, mi è stato difficile trovare il sito web su Google, quindi lato SEO non è stato fatto nessun lavoro e dunque essendo debole su questo aspetto ha poca visibilità. È chiaro che ci si è limitati a fare il sito web e a pianificare una campagna a mezzo affissione, risultando poco sponsorizzati i corsi organizzati, anche se spero che all’interno delle aziende ospedaliere coinvolte vi saranno le relative locandine con date e orari.

Comunque, aver costituito un network di aziende in grado di offrire un determinato servizio al cliente rappresenta un buon esempio di associazionismo e cooperazione tra imprese che tanto scarseggia nel territorio siciliano. Sarebbe stato utile migliorare la visibilità, non solo del progetto in sé, ma per dimostrare che la competizione tra le aziende – in questo caso ospedaliere – non è il punto focale del business ma quello che conta di più sia il cliente e la sua soddisfazione.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Web Marketing. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *