Sappiamo di essere in un momento di crisi. Ma non è semplice crisi, è un momento di depressione generale e la sensazione è quella che questo modello economico ci porti al collasso (considerando anche gli atteggiamenti di alcuni che ignorano i problemi della gente e i comportamenti scorretti di altri che vogliono fregare il prossimo).
Io, però, sono portato a pensare che dove ci sia crisi ci possa essere opportunità. Cioè, laddove le aziende non riescono collocare la propria offerta nel mercato, si possono creare delle occasioni da sfruttare a fronte di un immobilismo crescente causato dall’impossibilità di potere sostenere finanziariamente ed economicamente un’attività. A questo punto si stimola la creatività, o meglio, l’arte di arrangiarsi per riuscire a “sbarcare il lunario”, o comunque per provare a fare soldi, a farne di più. Si può, si deve trovare un modo perché è fondamentale investire risorse e tempo in nuove o seminuove idee per fare risollevare l’economia.
E noi che a Palermo siamo stati sempre in crisi? Beh, dobbiamo rimboccarci le maniche. Io non sono in grado di dare soluzioni, anche perché passerei per un saccente e magari presuntuoso. Sicuramente posso dire una cosa: quello che non facciamo, o almeno è poco diffusa, è la cooperazione, l’affiliarsi, stringere accordi tra aziende e imprenditori e creare network. Non è nella nostra cultura, sempre a causa della nostra idea di essere diffidenti verso gli altri perché c’è sempre l’idea del fregarsi a vicenda (e molto spesso è così, non sto negando il fatto che non sia vero). Quindi dovremmo mettere da parte i sospetti e le indifferenze e iniziare collaborare l’un l’altro.

Questo post l’ho scritto dopo che in un programma alla radio ho sentito di un artigiano che ha mandato un email in cui scrive di meditare il suicidio perché, a causa di insoluti su delle commissioni che aveva fatto, la sua banca gli ha ritirato il fido e non sapeva dove trovare i soldi per pagare i debiti, figuriamoci per prendere un avvocato per tentare di rifarsi su chi non l’ha pagato.
E questo mi ha fatto pensare.

Pubblicato da

dario valentino

Blogger, Consulente Seo, Digital Advertising & Growth. Un patito delle tecnologie, del Web e dello Sport. La mia biografia la trovi alla pagina "Chi sono".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *